1999-2009

1999-2009 All'inizio del nuovo millennio Siemens Italia mette in atto una serie di operazioni di riassetto societario e industriale, lasciando essenzialmente invariato il suo perimetro totale, ma organizzandosi in modo più rispondente alle dinamiche ed esigenze del mercato.
Nel 2001 viene acquisito il gruppo Orsi di Genova, tra i leader mondiali nell'offerta di soluzioni software per l'automazione industriale, compreso l'importante centro ricerca e sviluppo. Tra il 2001 e il 2002 vengono approvati e completati il progetto di fusione per incorporazione di Acuson S.p.A. (ecografi per uso medicale) e quello relativo alla scissione di Siemens Information and Communication Networks S.p.A., società di tlc del Gruppo costituitasi nel novembre '99 dopo lo spin-off di Italtel. Dalla scissione di Siemens ICN nasce Siemens Mobile Communications S.p.A., realtà focalizzata sul business delle reti mobili con due centri R&S di eccellenza internazionale in ambito ponti radio (Cassina dé Pecchi) e reti mobili (Cinisello Balsamo), che contribuiscono significativamente allo sviluppo e alla diffusione delle tecnologie GSM e UMTS nel nostro Paese.
Nel 2002 alla riorganizzazione del business delle telecomunicazioni si aggiungono diverse operazioni societarie tra cui l'acquisizione di Telegyr S.p.A. (controllo e gestione dell'energia) e del restante 50% di FiatAvio Power Services (revamping di turbine a gas), ma anche la dismissione di attività non più strategiche come Siemens Facility Management & Services, ceduta ad AEM, e Siemens Metering (contatori elettronici) passata al fondo statunitense KKR. Il consolidamento e la crescita del Gruppo portano nel 2005 a raggiungere un fatturato di circa 3,5 miliardi e ordini di oltre 3,8 miliardi nel nostro Paese, che confermano Siemens Italia quale terza Regional Company della multinazionale in termini di volumi.
Il 2005 è un anno molto importante anche per un ulteriore avanzamento nel percorso di riorganizzazione del Gruppo Siemens in Italia.
Oltre all'uscita ufficiale della divisione cellulari, passata ai taiwanesi di BenQ, con l'inizio dell'esercizio 2005/06 diventa operativa l'integrazione delle attività di Siemens Mobile Communications S.p.A. (reti mobili) in Siemens S.p.A., che si rafforza ulteriormente come società di riferimento della multinazionale in Italia per i settori automazione, medicale, energia, trasporti e telecomunicazioni e come 1° Regional Company di Siemens nel mondo per dimensioni.
A seguito del conferimento in Siemens S.p.A., Siemens Mobile Communications S.p.A. cambia denominazione in Siemens Holding S.p.A. e assume la missione di controllo, indirizzo e coordinamento del Gruppo in Italia. Proprio allora il Gruppo comincia un percorso che, nel giro di tre anni, lo porterà fino ai nostri giorni. Dapprima vengono individuati alcuni megatrend globali, con sempre maggiori impatti sulle popolazioni e sui mercati mondiali. Da urbanizzazione, invecchiamento della popolazione, globalizzazione e cambiamento climatico derivano bisogni urgenti in termini di risorse naturali, mobilità, salute, sicurezza, e beni in quantità sempre più numerose e con caratteristiche più specifiche.
Già perfettamente posizionata per soddisfare queste esigenze, Siemens focalizza ancor di più su queste areele proprie spese in innovazione e il proprio portoflio.
Di qui gli investimenti globali per un totale di 20 miliardi di euro in società leader nei rispettivi campi, tra le quali: l'americana US Filter oltre all'italiana Sernagiotto nel trattamento delle acque, l'austriaca VA Tech nella trasmissione e distribuzione di energia, le americane UGS e Flender rispettivamente nel PLM e nell'automazione, e ancora Diagnostic Product Corporation, Dade Behring e Bayer Diagnostics nella diagnostica. Parallelamente vengono completati disinvestimenti di business meno coerenti con le attuali strategie del Gruppo e con la sua catena del valore come quello - già citato - dei cellulari, o ancora quello dell'elettronica per auto di Siemens VDO Automotive, ceduta nel 2007 a Continental. Nel frattempo anche le reti di telecomunicazioni per operatori sono confluite nella joint-venture paritetica Nokia Siemens Networks. Nel corso del 2008, il sempre più forte posizionamento nelle aree risorse naturali, salute e infrastrutture, trova lo sviluppo più naturale nel varo di un'organizzazione strutturata in tre settori: Industry, Energy ed Healthcare, attivi in Italia dal 1° ottobre 2008. Accanto a questi tre settori continuano ad operare le società trasversali quali Siemens Finanziaria e Siemens IT Solutions and Services, con sempre maggiori sinergie rispetto ai settori stessi. Per essere sempre più forti verso un futuro pieno di energia, salute…e industria. Scoperte ed eventi del decennioCoerentemente con le macro-tendenze in atto a livello globale, le numerose innovazioni di questo decennio si orientano sempre di più verso la soluzione di urgenti problemi, comuni alle popolazioni mondiali.
Problemi cui ognuno dei settori del Gruppo risponde prontamente, con soluzioni d'eccellenza già oggi disponibili, che nel frattempo continua a migliorare ulteriormente.


Tra queste ad esempio, nel mercato dell'energia, un esclusivo brevetto per la produzione di pale eoliche integrali - in grado di resistere alla forza dei venti anche in impianti eolici offshore - o la turbina a ciclo combinato più efficiente al mondo, in grado di risparmiare fino a 40.000 tonnellate di CO2.


O ancora - in ambito sanitario - come l'unica TAC a doppia sorgente radiogena esistente sul mercato, capace di ridurre fino al 50% le radiazioni rispetto alle apparecchiature tradizionali e di segnare una nuova era nell'imaging medicale non rendendo più necessaria la somministrazione di farmaci beta bloccanti, e rivelandosi quindi ideale per i pazienti cardiopatici in fase acuta prima dell'esame.


Per non parlare della fabbrica digitale, la nuova frontiera della realtà industriale che consentirà di ridurre drasticamente i tempi e i costi - fino al 30% - della filiera produttiva, utilizzando rappresentazioni e verifiche tridimensionali per riconoscere ed eliminare i problemi prima ancora di stringere una singola vite. Una frontiera già ora più vicina grazie alla combinazione delle tecnologie PLM e MES da parte di Siemens.

 


In un decennio segnato dal costante incremento del fenomeno noto come globalizzazione, che vede il progressivo intensificarsi delle relazioni e degli scambi tra le singole realtà a livello mondiale, alcuni fenomeni marcano un'evoluzione nei rapporti fra i paesi: dal tragico attacco alle torri gemelle, l'11 settembre 2001, fino all'ampliamento dell'Unione Europea, che dal 1° gennaio 2007 comprende 27 nazioni indipendenti e democratiche.


Vero emblema di questo rapido susseguirsi di scambi ed avvenimenti, è l'esponenziale diffusione di internet, che nel 1999 raggiunge 200 milioni di utenti in tutto il mondo, per arrivare a circa 1,3 miliardi nel 2008, pari al 16% della popolazione globale.